Scarica la tua rivista!


image

 

Dopo un brillantissimo 2018 che ha visto crescere Zucchetti Centro Sistemi (ZCS) più del 20% di fatturato, caratterizzato dal successo delle applicazioni IoT (Internet of Things) nei vari settori di riferimento, la multidivisionale del Valdarno aretino, leader nell’innovazione tecnologica, è già al lavoro per incrementare ulteriormente i propri risultati.

Obiettivo ambizioso ma concreto” dichiara il Cav. Fabrizio Bernini, Presidente di ZCS “Siamo nell’era dell’Intelligenza Artificiale e già nel 2019 usciremo con soluzioni robotiche innovative e dirompenti che anticiperanno ancora una volta il mercato”.

Nel prossimo futuro entrerà in scena una nuova generazione di Ambrogio, il primo robot rasaerba al mondo dotato di intelligenza artificiale a bordo! L’unione delle più innovative e sofisticate tecnologie, basate sulla multisensoristica e sul concetto delle reti neurali, ha sviluppato una multipiattaforma tecnologica denominata Vision Z.

Un nome che evoca la visione verso il futuro della robotica e non solo; Vision come il nome del supereroe dotato di un vero e proprio database nella memoria con capacità di analisi e di elaborare informazioni e svolgere calcoli in pochi istanti. Z come Zucchetti ma anche come Generazione Z dei robot.

Le rivoluzioni in arrivo con la nuova piattaforma Vision Z impatteranno su tutta la Next Line, anche in retrofit. Ecco le più importanti: 

Nessun impianto e nessuna installazione (Wire Free). Si abbandonerà il filo perimetrale e Ambrogio diventerà ready to use. Questo sarà possibile grazie all’inserimento di alcune applicazioni pratiche di deep learning sul robot che riuscirà ad auto apprendere le caratteristiche specifiche del giardino su cui opera, muoversi e gestire l’erba da tagliare. La nuova multisensoristica unita al sistema ottico – dotato di speciale meccanismo autopulente – consentirà la navigazione autonoma del robot senza nessuna necessità di studiare prima il pattern o effettuare giri di ricognizione del prato da rasare. L’integrazione delle diverse tecnologie, algoritmi e machine learning innalzano l’intelligenza a bordo di Ambrogio nel rispetto della piena sicurezza e massima efficienza di prestazione.

Manutenzione predittiva (My Help). I nostri robot sono connessi al Cloud con un modulo connect: in caso di guasto Ambrogio comunica all'istante tale anomalia al tecnico di riferimento che a sua volta potrà indicare, sempre tramite connessione, il giorno e l'ora del futuro intervento, oppure anche di evitarlo. Con l’Internet of Things, che gestisce i Big Data per trasformarli in informazioni, i robot acquisiscono personalità elettronica, assimilabile alla figura giuridica. Siamo nella manutenzione predittiva, che permette di anticipare il guasto, prevenire l’errore ed abbassare tutti i potenziali costi di manutenzione e riparazione consecutiva. Sarà Ambrogio in autonomia che aprirà un processo organizzativo intento alla sua riparazione.

Comandi vocali (Smart Assistant). La nuova generazione di Ambrogio sarà in grado di comunicare con i vari assistenti vocali delle maggiori piattaforme (Alexa di Amazon, Siri della Apple e Google Home). L’utente potrà così dare dei comandi vocali al robot senza dover usare app o display. Il robot diventerà quindi totalmente autonomo e collaborativo, avanzando così la collaborazione tra uomo e robot. Inizia un vero e proprio dialogo con la macchina. Interazione, gestione e controllo vocale per una semplificazione e un miglioramento delle performance del robot. In uscita già nel 2019.

Ricarica autonoma induttiva (Back Home by Induction). Concluso il ciclo di lavoro, Ambrogio sarà guidato verso la ricarica da un faro induttivo, per richiamare Ambrogio alla base di ricarica che potrà effettuarsi con due modalità: la classica a contatto oppure ad induzione. La ricarica induttiva nasce dalla volontà di creare robot con bisogno di minima manutenzione.

La nostra esperienza ventennale nella robotica da giardinaggio ci spinge ad essere estremamente critici nei confronti di chi approccia il settore sottovalutando le enormi complessità che esistono nel lavorare all’esterno, influenzati dalle condizioni atmosferiche, in aree disomogenee e terreni insidiosi, sottoposti ad agenti e fenomeni esterni.” afferma Bernini “Senza dimenticare che l’utente nel frattempo è diventato sempre più esigente e richiede un lavoro di ottima qualità e precisione. L’evoluzione della tecnologia sui nostri robot porterà quindi ad una ottimizzazione del taglio dell’erba, con più precisione, semplicità e sicurezza. Siamo orgogliosi di essere stati i pionieri di questo settore che ci vede ancora protagonisti e leader nelle proposte di innovazione.” conclude Bernini. 

A Maggio è in programma un evento dedicato all’Intelligenza Artificiale nella sede a Terranuova Bracciolini. Le parole chiave dell’evento saranno Intelligenza Artificiale (Reti neurali), tracciabilità e dematerializzazione per parlare del futuro, delle applicazioni pratiche e delle innovazioni per un’ Azienda Smart, una Casa Green ed un Ospedale 4.0.

Una “Vision Z” del futuro.

Video VisionZ a questo link: https://www.youtube.com/watch?v=2dIpczY-qsc

 

Ultimi Articoli

image
27/03/2019

  Un biolago è un’opera radicalmente diversa rispetto ad una piscina convenzionale, e differente è anche la manutenzione richiesta. All’inizio della primavera, in

...Leggi Tutto
image
01/02/2019

  La sfida lanciata da Newpharm Home & Garden, tornare a gustare la bontà e la salubrità di cibi autoprodotti nel rispetto dell’uomo e dell’ambiente, persegue

...Leggi Tutto
image
24/10/2018

Nel vivo della sua Promozione Autunno 2018, STIHL non si ferma. Infatti, la novantaduenne azienda tedesca ha in serbo un’altra sorpresa per i suoi clienti. Acquistando una motosega press

...Leggi Tutto

Rivista Garden Grill & Pet

Tecno Verde Evolution